Maggio 2022

Monthly Archives

consigliato per te

  • in

    La Francia ha un problema con il nucleare: lo esporta in Europa, ma spegne metà degli impianti

    Mentre in Europa i governi sono impegnati a fronteggiare la crisi energetica, sotto la pressione dell’invasione dell’Ucraina, e cercano soluzioni alternative ai combustibili fossili russi, un altro fronte si apre in Francia dove frena la produzione nucleare scesa al livello minimo dal 1998. La metà dei 56 reattori francesi è spenta. In un lungo articolo pubblicato sul Financial Times viene descritta la situazione.  “Una serie di problemi di manutenzione, tra cui la corrosione in alcuni dei vecchi reattori francesi, le vicende del gruppo energetico Edf controllato dallo stato e l’assenza per anni di nuovi investimenti nucleari significativi, stanno indebolendo l’offerta e gettando dubbi sul fatto che il nucleare possa evitare alla Francia i problemi. L’anno scorso la Francia ha ricavato il 69% della produzione di elettricità dall’energia atomica. Le interruzioni lo hanno ridotto al 59%, colpendo le finanze del gruppo energetico Edf controllato dallo Stato” .

    Tutto questo avviene mentre anche la Francia pianifica un futuro a minore intensità di carbonio, pur essendo in ritardo nella produzione di energia solare e eolica. Si legge ancora sul Financial Times: “Come i vicini dell’Ue, la Francia mira ad eliminare le emissioni di gas serra entro il 2050. Nonostante gli investimenti, tuttavia, è in ritardo rispetto al resto d’Europa nella costruzione di energia solare ed eolica a causa della burocrazia e della sua lunga dipendenza dall’energia nucleare”.

    La promessa della rinascita nucleare

    Il presidente francese Emmanuel Macron, nel febbraio scorso, aveva promesso di riavviare “l’avventura nucleare” della Francia dichiarando che “i tempi sono maturi per una rinascita nucleare”, svelando un piano da 52 miliardi per costruire nuovi reattori: sei nuovi Epr (reattori nucleari europei ad acqua pressurizzata) che sostituiranno i vecchi impianti, a cui ne potrebbero seguire altri otto “allo studio”.

    Macron ha annunciato anche un piano per estendere la durata della vita di tutti gli impianti nucleari oltre i 40 anni standard “abbandonando di fatto il suo precedente obiettivo di ridurre al 50% la dipendenza della Francia dall’energia nucleare entro il 2035”, scrive ancora il Financial Times. 

    Spazio all’eolico

    L’obiettivo di Macron è di accrescerne i volumi di energia nucleare di 10 volte entro il 2050, portando la capacità a 100 gigawatt. Ci sarà spazio anche per l’eolico, ha annunciato, illustrando il progetto di costruire 50 parchi eolici in mare e portare così la capacità degli impianti offshore a 40 gigawatt.

    La sfida per il presidente francese è che, per mantenere la promessa della “rinascita nucleare”, Macron deve avviare la costruzione di nuovi impianti entro la fine del suo secondo mandato, nel 2027. “Nel frattempo, [deve] assicurarsi un’altra maggioranza alle elezioni legislative di giugno, dove i candidati di sinistra, inclusi alcuni sostenitori dell’anti-nucleare, hanno formato un’alleanza” spiega ancora il Financial Times.

    L’esportazione del nucleare francese

    Tra domanda in aumento, produzione ridotta e guerra in corso è intanto aumentato il costo dell’elettricità. E non solo in Francia, anche in conseguenza dell’interconnessione crescente dei mercati elettrici tra i vari Paesi europei. Si legge ancora nell’inchiesta: “L’Europa dipende anche dalla produzione francese. La Francia è stata il più grande esportatore netto di energia del continente lo scorso anno, fornendo Paesi vicini come Italia e Germania, nonostante quest’ultima abbia chiuso la propria industria nucleare per problemi ambientali” – ha affermato Valérie Faudon, direttrice esecutiva di Sfen, un gruppo scientifico che promuove l’industria del nucleare – Avremo ancora più bisogno dell’energia nucleare francese nel sistema europeo entro il 2030″.  LEGGI TUTTO

  • in

    Transport&Environment: “I carburanti sintetici non servono a decarbonizzare il settore auto”

    Lo studio, appena presentato da Transport & Environment, parla chiaro: i carburanti sintetici, cioè combustibili liquidi o gassosi, di origine sintetica, prodotti tramite processi energivori alimentati da energia elettrica rinnovabile, non servono a decarbonizzare il settore dell’auto. Secondo Transport & Environment gli e-fuels non sono la strada giusta per la transizione ecologica del settore auto, che da solo è responsabile del 12% del totale delle emissioni climalteranti in Europa.

    Per arrivare a questa conclusione lo studio ha calcolato le emissioni di CO2 sull’intero ciclo di vita di un’auto alimentata a combustibili sintetici acquistata nel 2030, verificando che un’auto ibrida alimentata da e-fuels nel suo intero ciclo di vita diminuisce le emissioni di anidride carbonica soltanto del 5% rispetto a un’auto a benzina. Ma perché usare per i test proprio una ibrida? Perché è quella a cui corrispondono le minori emissioni nell’intero ciclo di vita, quando vengono utilizzati i combustibili sintetici per alimentarla, e quindi per avere un risultato più veritiero. LEGGI TUTTO

  • in

    La paura dei topi maschio per le banane: una questione di odore

    Annusare una banana stressa un topo quanto prepararsi a combattere per la sopravvivenza. È quanto rivelato da uno studio pubblicato su Science Advances, che ha attribuito questa risposta alla presenza di un particolare composto chimico, l’acetato di n-pentile, presente sia nelle banane sia, curiosamente, nelle urine delle femmine di topo in gravidanza o allattamento. Mentre […] LEGGI TUTTO

  • in

    Giornata Mondiale dell’Ambiente 2022. Più oasi verdi per guarire il Pianeta

    È dovere di tutti proteggere l’unica ‘casa’ che abbiamo e promuovere uno stile di vita sostenibile e a ridotto impatto ambientale, così da contrastare il cambiamento climatico e preservare le risorse. A richiamare la necessità di vivere in modo sostenibile e in armonia con la natura, il 5 giugno torna l’annuale Giornata mondiale dell’ambiente. Istituita dall’Assemblea […] LEGGI TUTTO

  • in

    Giulia Pession, valdostana, è campionessa mondiale di filosofia: “Ho vinto contraddicendo Eraclito”

    La studentessa valdostana Giulia Pession, 19 anni, di Saint-Christophe, è la nuova campionessa del mondo di filosofia. Allieva della terza B del liceo classico, musicale e artistico di Aosta, ha vinto il titolo a Lisbona superando altri 87 finalisti provenienti da 42 nazioni. Una menzione speciale è invece stata assegnata a Giovanni D’Antonio del liceo […] LEGGI TUTTO