consigliato per te

  • in

    Tumori cutanei: al via il progetto SKINConnecting

    Tumori: prevenzione e terapie

    di Elisa BrambillaPubblicato il: 20-07-2021

    Il progetto riguarda i tumori cutanei non melanoma

    © iStock

    Contenuti correlati

    Sanihelp.it – I tumori cutanei non melanoma (o in inglese non melanoma skin cancer) sono tra le malattie oncologiche più diffuse, soprattutto tra gli anziani, anche se i più giovani non ne sono esenti.In Italia i non melanoma skin cancer (NMSC) rappresentano il 15% del totale dei tumori negli uomini, mentre nelle donne costituiscono il secondo tumore più comune, dopo il carcinoma mammario, per un totale di 14,8% dei casi.i numeri sono importanti: il carcinoma basocellulare è addirittura la forma tumorale più frequente in assoluto, con circa 100 nuovi casi all’anno ogni 100.000 abitanti, mentre il carcinoma squamocellulare presenta un’incidenza del 25% dei tumori cutanei, con circa 20 casi ogni 100.000 abitanti ogni anno.Nonostante questo, a parte i Centri di Eccellenza, non ci sono molte strutture con esperienza per fornire diagnosi tempestive e cure adatte anche per i casi più complessi, come è emerso dai webinar che si sono tenuti gli scorsi 23 giugno e 5 luglio, guidati da specialisti in dermatologia con il contributo non condizionato di Sanofi Genzyme.In questa occasione è stata presentata anche la piattaforma SKINconnecting.«SKINconnecting è uno strumento estremamente prezioso che permette uno scambio più intenso tra i Centri territoriali e i Centri di Eccellenza riguardo i casi di carcinoma squamocellulare e basocellulare cutaneo, soprattutto nelle forme più avanzate e di difficile gestione – spiega la prof.ssa Concetta Potenza, Dirigente Medico, U.O.C. di Dermatologia Daniele Innocenzi, Università degli Studi di Roma La Sapienza, Polo Pontino, Latina – Per garantire un servizio assistenziale eccellente e tempestivo, è fondamentale condividere il proprio know-how avvalendosi del team multidisciplinare in grado di fornire un quadro diagnostico e terapeutico più completo ed efficace possibile».La piattaforma si affianca alle Reti Oncologiche Regionali, con il compito di permettere il confronto tra i Centri di Eccellenza e le Reti Regionali, mediante la condivisione e l’approccio multisciplinare dei casi clinici. Questo permetterà di coinvolgere non solo oncologi e dermatologi, ma anche chirurghi, radiologi, nutrizionisti e neurologi, e consentirà di alleggerire il carico di lavoro delle strutture più affollate.

    VOTA:

    3.5 stars / 5 LEGGI TUTTO

  • in

    Cancellare le occhiaie con i rimedi naturali

    Cure alternative

    di Stefania D’AmmiccoPubblicato il: 13-07-2021

    Come ridurre questo fastidioso inestetismo con sostanze facili da trovare, economiche e senza effetti collaterali

    © iStock

    Contenuti correlati

    Sanihelp.it – Un inestetismo comune e spesso fastidioso.
    Si tratta delle occhiaie, quelle zone d’ombra che si notano al di sotto degli occhi e che possono avere cause differenti.
    Infatti, le occhiaie possono essere determinate da diversi fattori:
    – dalla predisposizione genetica: spesso i membri di una stessa famiglia possono avere le occhiaie
    – da problemi di microcircolazione: una circolazione rallentata determinerà la stasi di sangue e liquidi nella zona perioculare, e a causa della pelle molto sottile, sarà possibile vedere proprio questi depositi anche ad occhio nudo
    – dall’invecchiamento della pelle
    – dall’eccessiva pigmentazione
    – dalla carenza di ferro
    – dallo stile di vita scorretto e dallo stress, con conseguente affaticamento
    Se spesso non è possibile intervenire direttamente su alcuni fattori, come la genetica, si potrà comunque cercare di ridurre la presenza delle occhiaie e di limitarne la comparsa con alcuni rimedi naturali.
    Il primo rimedio è costituito da impacchi freddi a base di infusi. Si potrà fare un infuso di camomilla, oppure di malva, lo si metterà in frigo e vi si potrà immergere un dischetto di cotone per ogni occhio. Si appoggeranno, poi, i dischetti sugli occhi e si lasceranno in posa per almeno dieci minuti.  
    Anche le fette di cetriolo, o di patata, appoggiate sugli occhi chiusi potranno aiutare a ridurre le occhiaie. Si dovranno lavare bene gli ortaggi e si dovranno tagliare in fette non troppo spesse. Per ottenere un effetto ancora maggiore, si metteranno le fette in frigo per almeno un’ora prima di appoggiarle sugli occhi per almeno dieci minuti.
    Infine, per contrastare le occhiaie determinate dall’invecchiamento, si potranno fare degli impacchi di olio di Argan, sempre utilizzando dei dischetti imbevuti di acqua fredda e poche gocce di olio.

    VOTA:

    3.5 stars / 5 LEGGI TUTTO

  • in

    Carolina Marconi affronta il tumore via social

    Oncologia

    di Valeria GhittiPubblicato il: 13-07-2021

    L’ex gieffina è alle prese con un tumore al seno: dopo la chirurgia ha cominciato la chemioterapia e ha scelto di condividere questo periodo brutto con i suoi follower.

    Contenuti correlati

    Sanihelp.it – «Il 24 marzo mi hanno diagnosticato un tumore al seno» ha rivelato Carolina Marconi lo scorso 20 maggio sul proprio profilo Instagram, descrivendo nel dettaglio il fiume di pensieri e paure che l’hanno travolta al momento della rivelazione da parte dei medici. L’ex gieffina (ha partecipato alla quarta edizione del reality) ha inoltre spiegato di essersi dovuta sottoporre a un intervento chirurgico il 6 aprile: «Ho affrontato un’operazione difficile durata più o meno 8 ore perché  oltre all’esportazione del tumore dovevo ricostruire anche la mammella».
    Il 4 maggio, però, è arrivata per lei un’altra doccia fredda: dovrà sottoporsi alla chemioterapia per sei mesi. «Mi è ricrollato ancora il mondo addosso, perché non era finita lì. Ma va bene così, mi ero promessa che avrei affrontato tutto con serenità, coraggio e determinazione […] combatterò e tornerò a sorridere come sempre» ha spiegato, mostrando di non volersi lasciare abbattere dalla situazione.
    Dopo questo annuncio Carolina ha anzi deciso di rendere più partecipi i tanti che la seguono sul proprio profilo Instagram, rivelando i timori legati agli effetti collaterali della chemio, a cominciare dalla caduta dei capelli, ma cercando di mantenere un atteggiamento positivo: «Non vi nascondo che un po’ rosico perché mi cadranno i capelli con la chemio, gli ho sempre portati lunghi, a non è un problema, cresceranno […]. Mi divertirò a cambiare i look con le parrucche in questi mesi e, se volete, ci terremo compagnia così mi potrete dire quale preferite».
    Il 3 giugno ha postato uno scatto successivo all’inserimento della cannula che la seguirà per tutto il percorso di chemioterapia, mentre il 14 giugno si è mostrata con i capelli un po’ più corti, in vista del primo ciclo, dopo il quale ha scritto: «Meno male che avevo la mascherina ed ho fatto un piccolo piantino così nessuno l’ha notato… ma poi la paura è finita mi sono distratta, ho pensato a tutte le cose belle che dovrò fare una volta terminato tutto, al mio grande sogno di diventare mamma, i miei progetti da realizzare… devi pensare e sognare solo cose belle».
    Alla vigilia del secondo ciclo di chemio la Marconi ha poi scelto di rasarsi completamente, sempre coinvolgendo quanti la seguono sui social. Una sorta di terapia complementare la sua: «Instagram è diventato un diario dove scrivere semplicemente il mio percorso e voi siete i miei angeli che mi sostenete sempre e mi date consigli positivi. […] Mi state facendo tanto bene voi, mi date gioia e l’unico motivo per cui ho deciso di condividere la mia storia con tutti voi è perché credo che parlare in questo momento faccia bene, confrontarsi, condividere, emozionarsi insieme».

    VOTA:

    3.5 stars / 5 LEGGI TUTTO

  • in

    Linfoma: le CAR-T migliorano la sopravvivenza

    Tumori: prevenzione e terapie

    di Elisa BrambillaPubblicato il: 13-07-2021

    Uno studio dimostra l’efficacia di axicabtagene ciloleucel nel trattamento di seconda linea del linfoma refrattario a grandi cellule B

    Contenuti correlati

    Sanihelp.it – Sono stati resi noti i risultati di uno studio globale di fase III multicentrico e randomizzato che rivelano la superiorità di axicabtagene ciloleucel, un medicinale immunoterapico, rispetto allo standard di cura nella terapia di seconda linea del linfoma refrattario a grandi cellule B (LBCL) recidivante o refrattario, con miglioramento del 60% della sopravvivenza senza eventi.Con un follow-up mediano di due anni, lo studio (che si chiama ZUMA-7) ha soddisfatto l’endpoint primario di sopravvivenza libera da eventi, cioè il tempo dalla randomizzazione alla progressione della malattia, all’inizio di una nuova terapia per il linfoma o al decesso per qualsiasi causa.La sopravvivenza globale invece misura i decessi nel tempo per qualsiasi causa.«Axicabtagene ciloleucel è stato determinante nel trasformare gli esiti per i pazienti con LBCL in terza linea di trattamento. Il nostro obiettivo è sempre stato quello di rendere disponibili i benefici della terapia con cellule CAR-T al maggior numero di pazienti possibile nelle prime fasi del loro trattamento, quando il potenziale del trattamento potrebbe essere ancora maggiore», dichiara Christi Shaw, Chief Executive Officer di Kite. «In qualità di leader nelle terapie cellulari, Kite è onorata di aver condotto questo studio importante, e desidera ringraziare i pazienti, le loro famiglie, i medici e i team sanitari in tutto il mondo, che l’hanno reso possibile».I risultati dettagliati di ZUMA-7 saranno presentati a un futuro congresso medico e Kite prevede di avviare colloqui con FDA (Food and Drug Administration), l’EMA (Agenzia europea del farmaco) e altre autorità per estendere le indicazioni di axicabtagene ciloleucel, in quanto il farmaco si trova già in commercio con altre indicazioni autorizzate.

    VOTA:

    3.5 stars / 5 LEGGI TUTTO

  • in

    Una rete dei Centri di cura per la leucemia

    Tumori: prevenzione e terapie

    di Elisa BrambillaPubblicato il: 06-07-2021

    Ci sono ancora troppe differenze tra le regioni nella cura di questa forma di tumore

    © iStock

    Contenuti correlati

    Sanihelp.it – La leucemia mieloide acuta colpisce ogni anno oltre 2.000 persone in Italia.La gestione di questa patologia presenta però parecchie differenze tra le varie regioni, per eliminare le quali è necessaria una Rete strutturata di centri di riferimento (Hub) e periferici (Spoke).È necessario investire di più nelle strutture periferiche, dove spesso manca un ematologo specialista in questa forma di tumore del sangue.La Rete consentirebbe di garantire velocità nell’esecuzione dei test mutazionali, non solo al momento della diagnosi, ma anche al presentarsi di una recidiva, e va stabilito un piano adeguato di controlli (follow-up) per il paziente, anche con percorsi integrati, come il supporto psicologico e nutrizionale.«La leucemia mieloide acuta – spiega il Prof. Giovanni Martinelli, Direttore Scientifico dell’Istituto Scientifico Romagnolo per lo Studio dei Tumori Dino Amadori – IRST, Meldola (FC) Istituto di Ricovero e Cura a Carattere Scientifico (IRCCS), riconosciuto dal Ministero della Salute – rappresenta il modello per eccellenza della medicina personalizzata. È una patologia rara, che il più delle volte si presenta in maniera subdola, ponendo quindi un problema di difficile riconoscimento. Il primo step è definire con attenzione il percorso diagnostico terapeutico, a partire dal Pronto Soccorso. Al paziente in emergenza va riservato un approccio salvavita e di forte riferimento con i centri Hub. Nelle situazioni di non emergenza, vanno adottati modelli organizzativi che garantiscano standard uniformi sul territorio nazionale e che permettano di condurre indagini diagnostiche più accurate, come quelle di biologia molecolare, avviando i pazienti alla migliore terapia disponibile, senza distinzioni sul territorio nazionale». «Il secondo step riguarda la diagnostica» aggiunge Martinelli, «poiché i test di biologia molecolare da effettuare devono spesso essere eseguiti molto velocemente. Per molti malati è dunque essenziale, al momento della ricaduta, essere pronti ad effettuare un nuovo test rapido».

    VOTA:

    3.5 stars / 5 LEGGI TUTTO

  • in

    Virginio racconta in musica l'artrite psoriasica

    Iniziative

    di Valeria GhittiPubblicato il: 06-07-2021

    Al via la campagna che dà voce ai pazienti: fino al 6 agosto si possono indicare le sei parole più rappresentative della convivenza con la malattia, per ispirare il cantautore nella realizzazione di un brano.

    © iStock

    Contenuti correlati

    Sanihelp.it – Fa leva sul linguaggio universale della musica Dammi 6 Parole – Il racconto dell’artrite psoriasica, l’iniziativa promossa da Amgen in collaborazione con ANMAR (Associazione Nazionale Malati Reumatici)  e APMARR (Associazione Nazionale Persone con Malattie Reumatologiche e Rare), per sensibilizzare e informare su questa complessa patologia ancora poco conosciuta (ma che solo in Italia colpisce 300 mila persone) e favorire il rapporto medico-paziente, in particolare con il reumatologo.
    Fino al 6 agosto, sul sito www.6domini.it i pazienti potranno scegliere 6 parole chiave legate alla loro esperienza di convivenza con la patologia. Una giuria composta dai rappresentanti delle Associazioni pazienti e da Virginio selezionerà le 6 parole più rappresentative, che ispireranno la composizione di un brano musicale da parte del cantautore (che sarà presentato in autunno nel corso di un evento digitale e sui canali social dell’artista) e anche un podcast informativo dedicato alla malattia.
    «La musica crea l’opportunità di muovere le coscienze e aprire mondi su storie rimaste nell’ombra. È un veicolo artistico che unisce le persone e favorisce la condivisione» commenta Virginio. «Ho scelto di aderire alla campagna per contribuire a raccontare le esigenze di chi affronta una malattia poco riconosciuta e per sensibilizzare chi ne è affetto senza saperlo, perché non ha ancora ricevuto una diagnosi. Per un artista, ogni singola parola può essere fonte di ispirazione. A maggior ragione potranno esserlo per me le parole scelte dai pazienti con artrite psoriasica, che scaturiranno dalla loro necessità di raccontarsi, di sentirsi compresi, di riaffermare che la patologia con cui convivono li riguarda ma non li definisce».
    L’artrite psoriasica è una malattia infiammatoria cronica a carico delle articolazioni che può colpire le persone già affette da psoriasi, di solito entro quattro anni dopo la diagnosi, ma che può manifestarsi anche prima e indipendentemente. Può coinvolgere le articolazioni, la pelle e i tendini con sei tipi di manifestazioni (domini): artrite periferica, entesite, dattilite, malattia assiale, psoriasi e psoriasi ungueale. Se non trattata e non tempestivamente diagnosticata può comportare gravi disabilità con pesanti ricadute sulla vita sociale e lavorativa.
    Sul sito www.6domini.it sono anche disponibili risorse e approfondimenti sulla malattia, sulle sue 6 manifestazioni, sulla combinazione dei domini, e dettagli aggiornati sui Centri di Reumatologia ospedalieri ed universitari e sugli Ambulatori territoriali.

    VOTA:

    3.5 stars / 5 LEGGI TUTTO

  • in

    Tumori: approvato in Europa daratumumab sottocute

    Tumori: prevenzione e terapie

    di Elisa BrambillaPubblicato il: 29-06-2021

    Questo riduce di molto il tempo di somministrazione del farmaco

    © iStock

    Contenuti correlati

    Sanihelp.it – La Commissione Europea ha approvato daratumumab in formulazione sottocutanea per due nuove indicazioni: mieloma multiplo e amiloidosi.
    Il mieloma multiplo è un tumore delle plasmacellule, che si moltiplicano senza controllo nel midollo osseo e talora in altre parti del corpo. Le plasmacellule derivano dalle cellule B (linfociti B), un tipo di globuli bianchi che normalmente produce anticorpi.  il sintomo più comune della malattia è rappresentato dal dolore osseo. 
    Amiloidosi è un gruppo di malattie caratterizzate dall’accumulo, spesso in sede extracellulare, di un materiale proteico insolubile, definito come amiloide. Queste malattie compromettono la funzionalità di diversi organi. Inoltre, i sintomi dell’amiloidosi sono diversi e aspecifici, il che può comportare un ritardo nella diagnosi.
    Entrambe queste malattie del sangue non hanno cure ben definite.Questa nuova formulazione di daratumumab, in associazione con ialuronidasi, riduce di ore il tempo di somministrazione del farmaco, mantenendo l’efficacia e riducendo l’incidenza delle reazioni avverse legate all’infusione (IRR). Per ridurre il rischio di IRR devono infatti essere somministrati medicinali pre-infusione prima del trattamento con daratumumab, come cortisonici, antipiretici, antistaminici.
    Daratumumab è un anticorpo monoclonale che si è dimostrato un potente inibitore della crescita in vivo di particolari cellule tumorali e che viene usato in combinazione con altri chemioterapici, oppure in monoterapia per il trattamento di pazienti con mieloma multiplo recidivo e refrattario alle terapie. 

    VOTA:

    3.5 stars / 5 LEGGI TUTTO

  • in

    Olio di canfora, tutti gli utilizzi

    Rimedi dolci

    di Stefania D’AmmiccoPubblicato il: 29-06-2021

    Come usare questa sostanza nota fin dai tempi antichi non solo per rilassare i muscoli, ma anche per pelle e tosse

    © iStock

    Contenuti correlati

    Sanihelp.it – Un olio molto conosciuto, ma dalle applicazioni spesso ignorate.
    Si tratta dell’olio di canfora, utilizzato da moltissimo tempo anche in Italia, i cui utilizzi vanno oltre rispetto a quelli conosciuti dalle nonne.
    L’olio, che viene estratto dall’albero omonimo, può essere usato solo a livello topico e non dovrebbe mai essere ingerito.
    Ecco tutte le diverse applicazioni dell’olio di canfora, per la bellezza e il benessere.
    Come prima cosa, l’olio di canfora potrà essere usato per prevenire e curare le infiammazioni, sia di origine batterica sia quelle provocate da un colpo.
    Si può utilizzare per evitare che la pelle si infetti e si può utilizzare anche sulla pelle che sia affetta da prurito.
    L’olio di canfora è ottimo anche per ridurre il dolore e il gonfiore. Ad esempio, lo si potrà applicare su un livido oppure a seguito di una storta.
    Un’applicazione ottima per quest’olio è anche quella legata ai funghi. L’olio di canfora, infatti, è anche antifungino e si potrà utilizzare allo scopo di combattere i funghi a livello di pelle e unghie.
    Si potrà utilizzare l’olio di canfora anche contro la tosse, ma sempre con uso esterno. Si potrà massaggiare sul petto e sulla schiena per calmare la tosse e ridurre il fastidio anche a lungo.
    Infine, l’applicazione dell’olio consente di rilassare i muscoli, e forse questo è il tipo di utilizzo per il quale l’olio di canfora è più famoso in assoluto.
    Com’è già stato indicato, non si deve mai ingerire l’olio, e non lo si dovrà applicare sulla cute lesa.  

    VOTA:

    3.5 stars / 5 LEGGI TUTTO