1 Novembre 2022

Daily Archives

consigliato per te

  • in

    Tumori del sangue: guarigione per il 70% dei pazienti

    Sanihelp.it – Se pensiamo che 15 anni fa guariva il 30% delle persone colpite da tumori del sangue e oggi questa percentuale è salita al 70, possiamo certamente parlare di un risultato molto importante, ottenuto grazie alle terapie innovative e alla ricerca che non si ferma di fare progressi.I linfomi, le leucemie e il mieloma multiplo sono i tumori del sangue più frequenti, circa 30.000 nuovi casi all’anno in Italia.
    Le terapie più avanzate sono rappresentate dalle CAR T, cioè dalla terapia cellulare, e dagli anticorpi bispecifici.
    Sull’argomento si è svolta a Roma la quarta edizione della SOHO (Society of Hematologic Oncology) annual Conference.
    «La terapia cellulare a base di CAR T ha favorito una rivoluzione epocale nella lotta contro i tumori del sangue» afferma Giovanni Martinelli, Direttore scientifico dell’Istituto Romagnolo per lo studio dei Tumori Dino Amadori – IRST «l’obiettivo è quello di risvegliare il sistema immunitario, che troppo a lungo ha tollerato la crescita del tumore. Nei linfomi aggressivi, come quello non Hodgkin, grazie alle CAR T il 40% dei pazienti guarisce con una singola infusione. Degli studi stanno valutando il loro utilizzo anche in altre forme di tumori del sangue, come nel mieloma multiplo, nella leucemia linfoblastica acuta dell’anziano e nella leucemia mieloide cronica».
    Le CAR-T (Chimeric Antigen Receptor T cell therapies) sono cellule T umane ingegnerizzate geneticamente per esprimere recettori ricombinanti in grado di riconoscere specifici antigeni sulla superficie di cellule target.
    La tecnica consiste nel prelievo dei linfociti T del malato per modificarli geneticamente in modo che sulla superficie esprimano un recettore chiamato Car. La presenza di Car ha come effetto un potenziamento dei linfociti che li rende in grado, una volta reinfusi nel malato, di riconoscere e attaccare le cellule tumorali presenti nel sangue e nel midollo, fino a eliminarle. Un approccio che ha cambiato radicalmente il trattamento di alcuni tumori del sangue resistenti alle cure tradizionali.
    Gli anticorpi bispecifici sono proteine artificiali composte di frammenti di due diversi anticorpi monoclonali, cosa che permette loro di legarsi contemporaneamente a due antigeni diversi, nello specifico contemporaneamente, si legano a un citotossico cellulare e all’obiettivo terapeutico: le cellule tumorali da distruggere.
    «Nel mieloma multiplo, che origina nel midollo osseo e colpisce in Italia ogni anno circa 5750 persone, la sopravvivenza media è passata da 36 mesi a circa 7 anni – rivela il professor Claudio Cerchione, ricercatore della Divisione di Ematologia dell’IRST Dino Amadori – si può quindi parlare di cronicizzazione della malattia grazie alla ricerca. Grazie all’immunoterapia si è in grado di curare anche la malattia refrattaria e recidivata».
    Anche nella leucemia mieloide acuta, che colpisce più che altro persone anziane, le terapie sono sempre più precise e mirate.  LEGGI TUTTO

  • in

    Nella comunità energetica e solidale di Napoli

    Nel cielo limpido e azzurro d’inizio luglio sta un sole pieno e ingombrante, in volo si affaccendano i grandi gabbiani, con versi striduli passano sulle nostre teste, paiono spavaldi, s’azzuffano per niente, per ingozzarsi di resti di cibo avariato, cercano tra l’immondizia nelle strade del rione. Eppure, da quassù, dal tetto della Fondazione Famiglia di Maria, nel cuore di San Giovanni, quartiere dell’area orientale di Napoli, del mare non v’è traccia, il mare non si vede, pur volgendo lo sguardo a ogni angolo, e alzandosi sulle punte, l’orizzonte mostra solo tetti e antenne contorte, che sui parapetti stanno come gli arbusti sulle vette delle montagne, piegate al suolo, a difendersi dalle intemperie.

    Noemi Profenna e Swami Matrisciano sedute davanti alle palazzine di Taverna del Ferro (foto: Mattia Zoppellaro/Contrasto, 2022)  LEGGI TUTTO