consigliato per te

  • in

    “Per creare una Pa smart servono competenze, ma attrarre talenti è difficile”

    “Il nostro obiettivo è rendere il Veneto più attrattivo per imprese e cittadini, più sostenibile e più inclusivo”. Luca De Pietro, direttore Strategia Ict, Agenda digitale e sistemi di comunicazione della Regione Veneto, è stato tra gli speaker che hanno animato il dibattito al Centro Culturale Altinate San Gaetano di Padova per la seconda edizione […] LEGGI TUTTO

  • in

    Il Pnrr e i tempi (lunghi) della rigenerazione urbana

    “Non bisogna innamorarsi dell’idea iniziale: la rigenerazione urbana ha bisogno del suo tempo”. Agli Stati Generali delle città intelligenti di City Vision a Padova l’assessore a Casa e Piano quartieri del Comune di Milano, Pierfrancesco Maran, è partito dall’esperienza maturata nell’amministrazione del capoluogo lombardo, città che da anni è modello d’avanguardia sotto tanti punti di vista, per ragionare sul mindset necessario ora che l’Italia deve gestire, e spendere, centinaia di miliardi di euro. Nel corso di un panel dedicato al Pnrr, Maran ha infatti discusso delle problematiche che una città affronta quando mette a terra piani di trasformazione che durano anche più di dieci anni.

    “Porta Nuova e City life a Milano hanno richiesto 15 anni – ha aggiunto Maran – Il primo punto per un’amministrazione è disegnare un quadro generale, fissare con chiarezza i primari obiettivi pubblici. Poi bisogna saper accompagnare il percorso fino al momento della chiusura dei lavori con una capacità di adattamento. È verosimile, ad esempio, che in un arco di tempo simile possa verificarsi una crisi finanziaria”. Promosso da Blum. Business as a medium e Padova Hall e organizzata con il Comune di Padova e il patrocinio di Anci, City Vision è la piattaforma di contenuti e notizie focalizzata sulla trasformazione ecologica e digitale in atto sui territori. Gli Stati generali delle città intelligenti hanno goduto della collaborazione di Regione Veneto – Agenda digitale del Veneto, Camera di commercio di Padova, Venicepromex, e Dipartimento di scienze economiche e aziendali “Marco Fanno” dell’Università di Padova.

    Nell’appuntamento annuale di City Vision a Padova, città che concorre per diventare capitale europea dell’innovazione, si è parlato anche del rapporto tra pubblica amministrazione e aziende ai fini di una maggior efficienza nell’utilizzo dei fondi in arrivo dall’Europa. “A luglio abbiamo lanciato il programma Pnrr Solution con l’obiettivo di supportare le Pmi in termini di consulenza e fornitura di risorse finanziarie – ha detto Simona Gastaldello, Head of Corporate Business Region North East di UniCredit – Quello che stiamo facendo è mettere a disposizione una serie di strumenti come finanziamenti a medio lungo termine in un contesto incerto e complesso”. Organizzato da Blum Business as a medium e Padova Hall, City Vision sta svolgendo un lavoro di networking per far sì che città grandi, medie e piccole possano incontrarsi con corporate e startup per innescare transizioni intelligenti.

    A questo proposito è intervenuto anche Armando Fiumara, Head of Marketing and Sales Excellence Business-to-Government Italy di Enel X. “Il grosso delle risorse del Pnrr è rivolto alle pubbliche amministrazioni a cui però rimane lo sforzo progettuale ed esecutivo da chiudere entro il 2026. Ci sono città più strutturate come Milano, ma la maggior parte dei comuni fa fatica a gestire più bandi per i quali si candida. Noi come operatori privati possiamo offrire le competenze”. Tutto ciò dovrà concorrere a far diventare le città non soltanto più attrezzate dal punto di vista digitale, ma anche più inclusive. “La nostra sfida è proprio questa – ha ricordato Maran – Molti dei fondi del Pnrr andranno a recuperare alcune aree di Milano come la Bovisa, dove realizzeremo un campus universitario, o il quartiere di Rogoredo con il campus del Conservatorio”.

    Nel corso dell’evento tenuto al Centro Culturale Altinate San Gaetano di Padova c’è stato anche spazio per presentare i dati pubblicati dall’Università di Padova in merito alle smart city e alla loro percezione da parte degli amministratori. La maggior parte delle amministrazioni comunali – oltre 80 i rappresentanti della Pa coinvolti – sono pronte a utilizzare i fondi del Pnrr per progetti di digitalizzazione e innovazione (89%), transizione ecologica (54%) e riqualificazione di edifici pubblici come scuole, sedi giudiziarie ed edilizia pubblica (48%). Con il supporto di Enel X, Alperia, Acea, Leitner, UniCredit e in collaborazione con ANFoV, Data Valley, Europe Direct Padova, Istituto EuropIA.it, Ibimi, Indig communication, InnovUp, IoTItaly, Living Future Europe, Milano Smart City Alliance, Pa Social, Padova Europea, Rete dei Comuni Sostenibili e Sheldon.studio, City Vision continua il proprio viaggio alla scoperta delle città intelligenti. Il 16 novembre è in programma un evento digitale in diretta dallo Smart City Expo World Congress 2022 a Barcellona, a cui seguirà il City Vision Talk Mobilità a Procida il primo dicembre. LEGGI TUTTO