in

Una tela bianca di 530 metri da dipingere tutti assieme per la pace

Pace, arte e natura. Il 2 giugno 193 persone dipingeranno su una tela di 530 metri i colori delle bandiere dei 193 paesi Onu. Mezzo chilometro di tela bianca immersa nel verde della natura fino alla cima della Montagnola del Monte San Bartolo, che simbolicamente viene definita il  “tetto del mondo”. Qui un grande tronco bianco e un ulivo secolare, segni del passato e futuro, faranno da scenografia al lancio di sette colombe che voleranno verso la libertà. La performance, unica al mondo, per dare un forte segnale per una pace senza confini farà parte dell’Ecofest Experience, manifestazione internazionale sull’eco-sostenibilità in programma fino al 5 giugno. “Quattro giorni per noi, molti di più per la Terra” è lo slogan dell’evento, organizzato dall’ong Fondazione Oasi, in collaborazione con Oikos.

L’Oasi sulla Riviera San Bartolo rappresenta un’area di alto valore naturalistico di 250.000 metri quadrati, la prima collina da Trieste verso sud, con vista mozzafiato sulla costa Adriatica. Un “paradiso terrestre” dove è nata lo scorso anno è nata la Fondazione Oasi, con lo scopo di trasmettere i valori della sostenibilità per un mondo più attento e rispettoso delle persone e dell’ambiente.

La prima giornata dedicata alla pace avrà inizio alle ore 9 con diverse attività Yoga, olistiche, ricreative, che anticiperanno l’evento principale delle ore 16, durante la quale ogni partecipante potrà contribuire al completamento della tela bianca scrivendo un proprio messaggio di pace, fra le bandiere dipinte dagli artisti.

Al centro dell’evento l’arte come forte veicolo espressivo della cultura di una pace senza confini affinché le persone, con comportamenti e azioni consapevoli, possano creare una convivenza senza contrasti tra i popoli di tutto il mondo, dove le parole siano davvero la sola e unica soluzione a ogni tipo di conflitto e problema. È questo il messaggio che intende trasmettere la Fondazione Oasi, creata dall’imprenditore Claudio Balestri, impegnato nel sociale e nel rispetto per le persone e per l’ambiente. 

La giornata proseguirà anche al tramonto: alle ore 20 la performer Francesca Guidi, darà vita a un’esibizione di body painting, dipingendo con i colori ecologici Oikos la bandiera della pace sul corpo di sette modelli e modelle di diverse nazionalità. Il tutto accompagnato dalla musica dell’Orchestra sinfonica G. Rossini di Pesaro che intonerà le note dell’inno nazionale accompagnate dalla voce di tre tenori. 

Alle ore 22 la serata si concluderà con l’Experience under the Stars: un’osservazione dell’universo, in compagnia degli Astrofili di Pesaro. La partecipazione è gratuita, basta registrarsi.


Fonte: http://www.repubblica.it/rss/ambiente/rss2.0.xml


Tagcloud:

La posidonia di Shark Bay è la più grande pianta al mondo. E può aiutarci a salvare il mare

Bioplastiche compostabili, il riciclo raggiunge il 61% dell'Italia e ha già superato gli obiettivi di legge per il 2025