in

Green Pass a scuola, Bianchi: “Li controlleranno i presidi: siamo al lavoro con loro e il garante della privacy per app”

Sui controlli del Green Pass a scuola c’è un piano che il ministero dell’Istruzione sta studiando assieme al ministero della Salute. Mentre Anief, il sindacato che non ha sottoscritto il protocollo sulla sicurezza a scuola contestando soprattutto l’obbligo del Green pass, conferma lo sciopero il primo giorno di lezioni in ogni Regione. 

Lo strumento non è che una piattaforma in cui, ogni mattina, accanto alla voce di ogni prof sottoposto dal 1° settembre all’obbligo di Green Pass per insegnare, compare un disco verde o un disco rosso: il via libera o lo stop. Senza ulteriori dati sensibili le segreterie scolastiche non saprebbero se il docente sia vaccinato, con quante dosi e da quanto, guarito dal Covid o negativo a un tampone, esente dalla vaccinazione o se invece non ha il Pass perché no vax convinto o perché magari gli è scaduto o si è ammalato.

Potrebbero essere così superati i problemi di privacy sottolineati dal Garante per la protezione dei dati personali che, in un’intervista a Repubblica, si era detto assolutamente contrario a che le scuole ottenessero e conservassero le liste dei “no vax”, anche perché sarebbero saltati i controlli su eventuali vaccinati contagiatisi successivamente alla somministrazione.

Il garante per la privacy: “No alle liste dei prof ‘no vax’. Illogico verificare il Certificato solo di chi non è immunizzato”

di

Viola Giannoli

24 Agosto 2021

Secondo l’idea del governo in caso di “semaforo verde” l’insegnante potrebbe entrare a scuola senza ulteriori controlli. Mentre in caso di “semaforo rosso” scatterebbero le verifiche per capire se effettivamente il prof non può entrare in classe. Dopo 5 giorni di disco rosso e dunque di assenza ingiustificata scatta la sospensione del rapporto di lavoro e dunque dello stipendio.

“Stiamo lavorando con presidi e il Garante per avere uno strumento semplice e facile che permetta ai presidi tutte le mattine di controllare chi ha disco il verde e chi il disco rosso” conferma a “Morning news” di Canale 5 il ministro dell’Istruzione, Patrizio Bianchi. Si tratta di una applicazione – ha aggiunto – che sarà disponibile per i professori da “quando i ragazzi saranno a scuola”. Il calendario scolastico riparte quasi ovunque a metà settembre ma in un paio di Regioni la prima campanella suonerà il 6 settembre.

Dai Pass ai test, alle quarantene: ecco i sei nodi della scuola

di

Ilaria Venturi

24 Agosto 2021

Le cifre del report settimanale del commissario straordinario all’emergenza Covid, Francesco Paolo Figliuolo, risalenti ormai al 20 agosto e da aggiornare alla luce dei nuovi ed effettivi dati comunicati in questi giorni dalle Regioni parlavano de 12,8% di personale scolastico ancora in attesa di prima dose. Ma il ministro spiega: “C’è un forte aumento dei vaccinati in questi ultimi giorni tra il personale scolastico. Chi ha il vaccino o il Green Pass va a scuola, gli altri verranno sospesi. Il tampone lo faremo al personale solo secondo le indicazioni delle autorità sanitarie. Anche perché il tampone non è un sostituito del vaccino ma semplicemente un atto di tracciamento”.

Green Pass, scuola, università, trasporti: ecco cosa cambia dall’1 settembre

di

Viola Giannoli

25 Agosto 2021

Quanto agli studenti, per cui non c’è obbligo di Pass, il ministro ha aggiunto: “Quando in una classe c’è un ragazzo positivo verrà allontanato, e anche gli altri alunni, e si verificherà l’ampiezza del cluster. Ora si isolano esattamente le situazioni di rischio che viene monitorato senza più generalizzare. Non c’è più il rischio di Regioni in quarantena”.

“L’obbligo vaccinale non riguarda gli studenti della scuola” ma solo gli studenti universitari. “La scuola opera su classi di persone che si conoscono e c’è la possibilità di verifiche quotidiane della situazione” di eventuali contagi da Covid, ha ribadito il ministro.

“Vacciniamo in ateneo”. La corsa dell’università per tornare in presenza

di

Viola Giannoli

Ilaria Venturi

25 Agosto 2021


Fonte: http://www.repubblica.it/rss/scuola_e_universita/rss2.0.xml


Tagcloud:

Avete mai visto la madre di Guendalina Tavassi? E' esplosiva proprio come lei

Il prato del Gran Paradiso che ha lasciato Luciano Violante senza parole