in

Covid, in Alto Adige tre classi già in Dad per studenti e professori positivi

ROMA – In Alto Adige, dove l’anno scolastico è iniziato lunedì 6 settembre, “alcune classi sono già in Dad” per casi di positività tra alunni oppure professori”. A confermarlo è il presidente della Provincia autonoma Arno Kompatscher, che ha spiegato: “Siamo i primi ad aver avviato uno screening sui casi di positivtà, anche se, per il momento, il controllo è solo parziale”. Il programma nazionale deve ancora partire e avrà al centro i test salivari nelle scuole sentinella. “Il controllo”, ancora il governatore Kompatscher, “ci aiuterà ad evitare grossi focolai nelle scuole. I primi casi negli istituti sono stati scoperti perché le persone, in un modo o l’altro, vengono comunque testate”. Secondo alcune informazioni, al momento le classi in Didattica a distanza sarebbero in tutto tre.

Scuola: primo giorno sui banchi in Alto Adige, nella terra dei No Vax dove 20 prof si sono già dimessi

dal nostro inviato

Giampaolo Visetti

06 Settembre 2021

Otto giorni dopo l’avvio delle scuole nella Provincia autonoma di Bolzano i contagi, come era facile immaginare e come si poteva dedurre osservando l’inizio dell’anno scolastico negli Stati Uniti e in Israele, si iniziano a certificare. Servirà una settimana per comprendere la portata del problema nelle restanti nove Regioni e nella Provincia autonoma di Trento. Il ministro dell’Istruzione Patrizio Bianchi nell’intervista a Repubblica ha detto: “Non ci sarà più una regione intera  in Dad, isoleremo le scuole e isoleremo le classi”.

Intervista al ministro Bianchi: “In caso di contagio solo la classe andrà in Dad. Mai più interi istituti a casa”

di

Corrado Zunino

12 Settembre 2021

L’Alto Adige alla vigilia della partenza scolastica aveva avuto un numero consistente di docenti contrari al Green Pass: venti si erano sospesi dal servizio e il ministero aveva avviato la sanzione per altri cinquantotto dipendenti.


Fonte: http://www.repubblica.it/rss/scuola_e_universita/rss2.0.xml


Tagcloud:

La bottiglietta Coca Cola e Big Oil insieme aggravano la crisi climatica

I rettori sul Gran Sasso per spiegare l'emergenza clima